Ray Ban 3449

Top quality, Best service, Competitive price, Prompts delivery and Solid reputation. Very wide selection of material, colors and size Various popular styles for your selection; We promise new fashion designs come out each season. Small trial orders are accepted.

At stop signs. Getting used to the rules. That was about it. Ed è proprio questa la formula vincente della serie ovvero una narrazione ben sceneggiata, che non ha il solo intento di parlare di fatti di cronaca, ma anche quello di far divertire.Verrebbe da chiedersi inizialmente perchè questa fiction non si sia intitolata “L’ispettore Rubino” visto che Lara, la secchiona della scuola di polizia, ha davvero tutte le carte in regola per essere una degna epigona di Sherlock Holmes: razionale, meticolosa, esperta di scene del crimine, arriva molto spesso alla verità rubando quasi la scena al suo “odiosamato” commissario. Ma se Lara Rubino è Apollo, Luca Manara è senz’altro Dioniso.Brillante, carismatico, esuberante, amante della vita quanto continua la rivelazione di questa stagione, la fiction Il Commissario Manara. Nata un po’ in sordina, come si suole dire, viene fuori con tutta la sua semplicità.

Vanni e Linda convivono in un attico in affitto nel centro di Roma. Vanni scrive romanzi, Linda ‘collabora’ ai suoi romanzi. Tra un vernissage e una mostra di Basquiat, frequentano Alfredo e Costanza, una coppia sull’orlo di una crisi di nervi. Non eccellente la scelta di lasciare l originale a La Reguera, che per tutta la durata si esprime in spagnolo: una voce doppiata in italiano sarebbe stata preferibile ai sottotitoli e avrebbe risparmiato i penosi alterchi con i trafficanti di droga messicani che costituiscono un punto debole che avrebbe potuto essere ottimizzando limitando la violenza e analizzando con maggior lucidit i motivi intimi e le ambizioni di successo di questi delinquenti trapiantati in terra statunitense che rovinano la figurina del giocatore importantissima per Willis, eliminano senza mezzi termini i testimoni o gli ex spacciatori scomodi e se la prendono coi tutori della legge come fossero bambini maleducati cui insegnare un bon ton a furia di pistolettate e spargimenti di sangue. Il regista riesce a malapena a rendere appetibile il prodotto ad un target giovanile, di et mentale e intellettuale che dovrebbe aggirarsi intorno ai quindici anni, il che permette alla commedia in questione di scatenare risate gustose e divertirsi fino a torcersi le budella quando non si troppo occupati a destrutturarla per il suo impianto cedevole, la sua storia ormai gi fritta e rivista in numerose occasioni e il candore ingenuo che muove le azioni dei personaggi. Consigliabile, quantomeno, a scopo di distrazione, e per evadere da una cinematografia che, a questo punto, vorrebbe prendere le distanze dallo slapstick inflazionato e produrre comicit di pi pregevole livello abbandonando definitivamente le scorrerie culturali da globalizzazione che ci involgariscono dal principio del Nuovo Millennio.Nel voler unire(talora con soluzioni divertenti), commedia e poliziesco, “Cop Out” invece, sostanzialmente, un film citazionista, con repertori tratti da vari film, con un “immaginario collettivo”, internalizzato almeno dai due poliziotti protagonisti, fatto di telefilm, soprattutto.

Posted in Ray Ban 3449 and tagged .

Lascia un commento