Ultimi Ray Ban

Another away match in 2018 and another away defeat for Arsenal. Their seventh in a row looked inevitable after a crazy two early minutes in which Kelechi Iheanacho scored for Leicester and then, almost immediately, brought about the dismissal of centre back Konstantinos Mavropanos. Arsenal’s 10 men hit back through Pierre Emerick Aubameyang but..

Alcolista cronico, passa, oltre che da una bottiglia all’altra, anche da una donna all’altra: nel 1968 sposa l’attrice Petronella Barker, dalla quale avrà la sua unica figlia, la musicista Abigail Hopkins. Dopo il divorzio da quest’ultima, nel 1973, sposa la sua segretaria Jennifer Lynton, cui seguirà l’ennesimo divorzio, e dopo alcuni flirt (uno con l’attrice e modella Joyce Ingalls e uno con la scrittrice Francine Kay), sposa l’antiquaria Stella Arroyave, la sua terza moglie.Gli anni settantaNegli anni Settanta, la sua filmografia si estende a titoli come Gli anni dell’avventura (1973), Quell’ultimo ponte (1977) e Magic Magia (1978), tutte pellicole dirette dal suo primo pigmalione cinematografico: l’attore e regista Richard Attenborough, che lo spinge a confrontarsi con star compatriote e non di primaria grandezza come Anne Bancroft (che sarà spessissimo sua compagna di set), Sean Connery, Gene Hackman, Maximilian Schell, Michael Caine, Elliott Gould, James Caan, Liv Ullman, Dick Bogarde, Ann Margret e Burgess Meredith. Poi, dopo essere stato diretto da Robert Wise in Audrey Rose (1977), lavora con il grandissimo David Lynch nella pellicola drammatica The Elephant Man (1980), mentre nella televisione inglese degli anni Ottanta ottiene un successo strepitoso nell’adattamento dell’Otello shakespeariano e di “Il gobbo di Notre Dame” di Victor Hugo, ovviamente nei due ruoli principali.Gli anni ottanta e l’approdo in ItaliaIn Italia arriva nel 1985, quando Alberto Negrin lo dirige nel ruolo di Galeazzo Ciano in Io e il Duce, accanto a Susan Sarandon, Fabio Testi, Annie Girardot, Barbara De Rossi, Bob Hoskins, Vittorio Mezzogiorno e Massimo Dapporto.

Quel che manca però, rispetto alle vanzinate, sono le risate, e ancor di più manca la possibilità di affezionarsi a questi personaggi viziati e insopportabili. Il sermone finale secondo cui gli abbracci sono molto più importanti del sesso mette la ciliegina sulla torta alla generale banalità della storia, che riesce a rendere triviali tutti i personaggi (per non parlare delle professioni di psicologo ed etologo). difficile far coesistere il politically incorrect con il melenso, e se si tratta di una commedia bisogna almeno riconoscere il paradossale come tale, senza edulcorarlo con la nota di buonismo conclusiva.

Posted in Ultimi Ray Ban and tagged .

Lascia un commento